Posts on Twitter:

- Crystal snow




As I roam the streets, I search for a soul that I lost. But to no avail it seems like she has gone too a safe place, a world like her and like her dreams.




























You hold greatness in you that would amaze you if you looked into a mirror of your future. Don't limit yourself.

























If you it all out today, what would be the point of ? ENJOY the process of being a work in progress.👌






Posts on Tumblr:

instagram

Before we begin, you must all be warned. Nothing here is vegetarian. Bon appetit.
—————————————————
Insta: @leprincesaiyen
Snap: starkben
Twitter: BenTheRed1
—————————————————
#edits #edit #amv #music #hannibal #montage #fight #tvshowedits #quotes
https://www.instagram.com/p/B50vjdOIP6k/?igshid=4uyfo8aazqjj

Made with Instagram
Sono fatta così

Ho appena avuto una discussione con mio padre.
Io e lui abbiamo un rapporto veramente particolare. Ciò che tendo a dire solitamente è ‘siamo uguali quindi ci scontriamo spesso’ ma non è del tutto così.
E’ la persona più buona sulla faccia della terra, anche se quando si incazza tende a dirti con tutta la cattiveria del mondo cosa pensa in quel momento, che non è sempre ciò che realmente pensa. Di questo sono certa.
Succede però in sere come questa, che si mette in moto il solito iter dal quale partono le nostre discussioni, ovvero: io do’ un input, lui mi contraddice, io sostengo la mia tesi, lui inizia a screditare la mia intelligenza siccome non condivido la sua opinione, ci urliamo addosso, scoppio in lacrime, vado via, mi segue, lo caccio, mi parla e chiariamo mentre io sono chiusa in un angolino e non ho alzo gli occhi dal telefono.
Se vi riconoscete in questa fotografia, vi dico che mi dispiace, ma anche che sono contenta, è sempre bello non sentirsi del tutto soli.
Ciò su cui vorrei soffermarmi non è tanto questa discussione, quanto quello che ho scritto riguardante l’iter. “Scoppio a piangere”. Si, esatto, scoppio a piangere ogni volta che ci battibecchiamo. 
E non solo. Sto riconoscendo di avere una certa tendenza verso lo sfogo di qualsiasi emozione attraverso il pianto. (No, non solo quando sono in PMS). 
Molti diranno che è normale, ma penso di farlo in una maniera tale che non solo mi renda meno credibile nel sostegno ed esposizione del mio pensiero, ma mi renda meno credibile come ragazza di 21 anni. 
Già, sono A., ho 21 anni e piango per tutto, non male da esporre a un colloquio di lavoro no? Anche ad un primo appuntamento non lo vedo male.
Il punto è che vorrei capire di più riguardo questa cosa. Non lo trovo accettabile sotto nessun punto di vista.
Poi penso ‘smettila di tormentarti, questa sei tu, sei fatta così’.
Ma davvero si riduce tutto sempre a un ‘sono fatto così’? Penso che talvolta sia la giustificazione con la quale annunciamo la nostra svogliatezza e pigrizia nel cambiare. Solo che non so come lavorarci su questo lato. Non so cosa fare.

Questo post è privo di ‘nocciolo del discorso’, me ne rendo conto. Ma a volte mi piace digitare molto in fretta sulla tastiera giusto per calmare un po i nervi e interrogarmi sulla persona che sono.
Che volete farci, sono fatta così

,, I wish I was not who I am. I wish I had met you in different circumstances, in a place far away from here, where there was no magic, politics and deception. Somewhere where things could be different between us. I wish I was someone else. But I am what and who I am, and all the wishes in the world will not change that. “

~ Danielle L. Jensen - Stolen Songbird

Go out and live. Do a lot, live a lot until your get really tired and sleep so fast that u don’t have to overthink and get anxiety. You need to forget the downs and start to live much

All your life you have been looking for me.

This summer we passed by each other like commets in the night sky.

We never even said hi,

But as our paths for a moment intercept,

We promised to orbit the heavens ‘ til we find each other again.

This was the first of our vows.


The Vows #1

An M.S poem to T

‘My Muse is Mother Earth. Her tresses are the flowing streams, her skin is freckled like the night sky. And in the curves of the hills and ridges of the mountains, we marvel her body of grass and stone.’

'Tellus,’ - Megan’s Poetry #705

'My Muse is Mother Earth. Her screams of rage have cracked the ground. Her blood is molten where the drills spill it. Her breath is poisonous where it has been choked in oil. Her tresses descend in salt and rage. The other poets have forgotten her.’

'Gaia,’ - Megan’s Poetry #706

And I know that all I understand about living is having your work to do, and being able to do it. That’s the pleasure, and the glory, and all. And if you can’t do the work, or it’s taken from you, then what’s any good?
—  Tehanu, Ursula K. Le Guin