Posts on Twitter:

Replying to

Thanks Roy! I'm now armed with a coffee and going to take the bus to the mall It's lashing here ☔










Lovely shot from an Fan! Image by live_and_eat_with_passion!







その中でもこだわり派な父へ / もうすぐ、 (6/16)! ならいつもよりワンランク上がいいな♪ ありがとうの気持ちを込めて、   ※店頭でお求めください。







Ground Blend, Medium Roast : Rich and balanced with notes of caramel and no higher than .1% caffeine.







Yesterday morning our bar team got some coffee training from , they all enjoyed it and can now make perfect coffee in whichever form you prefer. Come down and try an Illy coffee! ☕️




Enjoy A Cup Of Smooth-Roasted Illy Coffee on Father’s Day! Celebrate 20 years of a contemporary Italian icon with this special anniversary edition of the Illy X1 espresso machine. Available at the one & only Tobacco Leaf! – at Tobacco Leaf - Summerlin







大好きなilly のコーヒー☕️ やっぱり美味しい✨










Ich wollte einen Waldspaziergang machen aber 95 % der Leichen im werden bei einem Waldspaziergang gefunden. Ich bleibe lieber auf dem Sofa und trinke einen Kaffee. 😜😂👉 👈







Espresso Ristretto: Created the same way as an espresso, however the extraction time is shorter.









Posts on Tumblr:

I’m always in tight jeans. I know ‘Billie Jean’, I know Bruce Springsteen. I know Palestine and the mujahideen, playing Tekken on the weekend, eating mangosteen.
flickr

Cheers by MermaidAte
Via Flickr:
Health and happiness to all my flickr friends

@ everyone who isnt my mutual that i tagged, omg im so embarrassed, if u didnt want to be tagged im soooo fucking sorry i just wanted to appreciate the beauty of your accounts 

youtube

I love this. Their basically saying I want to talk to my friends but I don’t want to talk to people.

«Mi sento di dirti soltanto una cosa, Illy»

«Anche l'Obscurus Florens ti catapulta in un bel sogno, in cui stai talmente bene che non hai più voglia di svegliarti. E non ti accorgi neanche quando ti porta via. Perciò, assicurati che questo non sia il tuo Obscurus Florens, che non ti faccia passare da piangere di cose belle a piangere e basta». 

«Oh…» ridacchia infine, forse ironica verso se stessa, agitando il capo e lasciando il sorriso a perdersi sulle montagne ancora una volta. «Non credo che possa, né che voglia» portarla via. Divertita ora, nell'occhiatina che gli rifila. «Immagino che sia impegnato ad accertarsi che il suo Obscurus Florens non lo porti via, mentre io cerco di aiutarlo» facendo spallucce. «E…» aggiunge poi, trattenendo ancora la sua mano con la mancina mentre la destra traffica nella tasca del mantello per estrarne qualcosa che sparisce nel pugnetto chiuso. «Magari un giorno vorrai raccontarmi del tuo» butta lì con delicatezza, ancora senza guardarlo, perché è impegnata a far scivolare le dita dalle sue ruotandone il palmo quanto basta a depositarvi sopra una piccola scatoletta di raso verde bottiglia, infiocchettata d'argento, con tutta l'aria di un pacchettino regalo. «Buon Compleanno».

«Illy» inclina la testa di lato in un'espressione sorniona, gli occhi palude di nuovo puntati su di lei.

«Rob» si scioglie in un sorriso più sghembo, nel rispondere a quel richiamo sornione, gli occhi azzurri di nuovo puntati di lui. 

«Per farti rotolare in tanto senso di colpa, in un certo senso ti ha già portato via, al di là di quelle che potrebbero essere le sue intenzioni». Sei già fregata, insomma. «È complicato». Preferisce invece concentrarsi su quel Buon Compleanno. Spalanca gli occhi e tira senza esitazione il fiocchetto per poter aprire il pacchetto e rivelare l'interno. Per la prima volta quella mattina, per la prima volta da diversi giorni, quello che le indirizza è un sorriso pieno, quel genere di sorriso che non può essere scambiato per circostanza. Probabile che non abbia ricevuto molti regali a questo compleanno, forse persino poche persone che se lo siano ricordato, chiusi com'erano nell'incubo Cristallite. Quando vede il regalo, una piccola luce si accende nello sguardo e lui tende il polso sinistro perché sia la stessa Illy a infilargli il bracciale. «Il cardo della mia Scozia», il sorriso sibila ancora nell'aria. Si sporge in avanti per appoggiarle le labbra sul naso. «Dimmi la verità», serissimo, chissà che verità vuole sentire, «Perdere la testa per l'originale ti avrebbe fatto sentire ancora più in colpa, ecco perché sei andata dalla brutta copia del pavone ammiccante».

Un piccolo sbuffo a non rispondere a quell'interpretazione altrui, lo sguardo a tornare sulle montagne e un semplice «è complicato» a far eco al suo per chiudere la questione. E spostarsi invece sul ben più piacevole sorriso che lui le rivolge. «Sì» conferma raddrizzandosi appena, lieta che sia stato colto al volo il fiore nonostante le sue non troppo ottime doti di incisione su metallo. «La nonna mi ha detto che la leggenda narra i Vichinghi volessero tendere un agguato di notte a un accampamento di scozzesi addormentati, sulle Highlands. Per non essere scoperti mentre di avvicinavano di soqquatto, tolsero le scarpe e si mossero a piedi nudi sul prato. Finché uno dei soldati non pestò un cardo, appunto» il famigerato fiore con le spine. «Si racconta che l'urlo che cacciò fu talmente forte da svegliare gli scozzesi e impedir loro di cadere in un'imboscata, vincendo quella battaglia. Da allora è diventato il fiore protettore della Scozia». Stavolta è lei a prestarsi narratrice di storie che lui magari già conosce, ma per un motivo in particolare. «Io lo so di non aver deluso solo Sebastian, ma… anche te e… e Chris» i testimoni di quell'unione naufragata. Deglutisce, sollevando ora lo sguardo a cercare il suo, prendendo un bel respiro. «Però ecco… tu sei un po’ il cardo che mi impedisce di cadere nelle trappole degli obscurus florens e vorrei-vorrei chiederti di continuare ad esserlo. Ecco». Il modo più infantile del mondo per dire “resti con me, sì?”. Tutti hanno bisogno di qualche conferma, ogni tanto. E persino d'un sorriso velato di simpatica malizia che le arrossa le guance, dopo quel bacino sul naso che si prende volentieri. «Ci puoi scommettere» replica infatti in un soffio confidenziale, senza esitazione. «Non essere troppo geloso, sei ancora il mio preferito» agganciandogli infine quel braccialetto e allungandosi per tentare poi di stringergli a fatica le spalle in un abbraccio dei suoi, provando anche a stampare un bel bacio con schiocco sulla sua guancia un po’ ispida di barbetta. 

instagram

Video OnThe Way “The Same”…. I’m Comin For Y’all Niggaz 🖕🏾 Ya If U Don’t Like It #iLLy
🎬: @av8mikemath
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
#movietime #shootingvideos #videographer #same #illyonthebeat #protools #flstudio #rapper #producer #itunes #spotify
https://www.instagram.com/p/BoCwuSwnDdj/?utm_source=ig_tumblr_share&igshid=17knr74v7gcqy

Made with Instagram